Appena reduce da un intenso tour in Brasile, Andreco, artista versatile con un background fortemente legato all’arte urbana, ha portato con sé immagini e memorie figlie di luoghi complessi, subito esplorati attraverso la consueta attenzione per il paesaggio, le dinamiche sociali e le problematiche ambientali. Un approccio che connota, con affettuoso slancio e stile personalissimo, i wall painting, le sculture e le performance dell’artista bolognese.
I lavori prodotti in Brasile sono quasi tutti ispirati alla crisi idrica che attanaglia il Paese, tra zone assai piovose e altre – come l’area di San Paolo – colpite da una siccità feroce. All’origine del fenomeno diversi fattori ecologici: in testa l’inquinamento della falde acquifere e il costante disboscamento delle zone verdi, con l’Amazzonia – polmone verde del Sud America e straordinaria riserva di biodiversità – sotto attacco costante per via di interessi pubblici e privati. Le alterazioni climatiche derivate da questa condizione, col conseguente innalzamento della temperatura e una tropicalizzazione diffusa, sono all’origine del problema idrico brasiliano. Nei murales dipinti da Andreco ai margini di zone metropolitane, là dove le periferie urbane incontrano scorci di campagne e di zone selvatiche, questi temi si traducono in immagini essenziali ed enigmatiche, costellate di simboli nuovi o ricorrenti. Tornano i robusti massi, squadrati come poliedri, che popolano da sempre il suo immaginario: memorie geologiche e strutture ideali, segni di una cosmologia archetipica, tra il paesaggio ed il concetto. E poi nuvole, volti misteriosi – umani o divini – il ciclo dell’acqua, lo schema del “bilancio idrologico” e la minuziosa raccolta di piccole scorte quotidiane. “Agua = Ouro” è il titolo di questo ciclo, con cui Andreco ha firmato il suo passaggio tra San Paolo e Limeira. L’oro del Brasile: trasparente, vitale, necessario, come il più prezioso dei diritti.

- Helga Marsala

Artribune: Italiani in trasferta. I wall painting di Andreco, ispirati alla crisi idrica brasiliana: riflessioni sull’ambiente, tra i muri e il paesaggio di San Paolo

Nei mesi scorsi il nostro Andreco si è spostato in Brasile, qui il grande artista Italiano ha avuto modo di realizzare un nuova ed intensa serie di interventi incentrati sul tema della crisi idrica per una nuova riflessione a sfondo naturale. Dopo lo splendido progetto realizzato per il capodanno Bolognese (Covered), è quindi tempo di tornare ad approfondire il lavoro dell’interprete. Attraverso una nuova serie di canonici interventi, in grado di ben ereditare quelli che sono gli stimoli primari delle sue produzioni, Andreco prosegue quindi ad interessarsi a temi e spunti a carattere naturale. Fulcro imprescindibile della ricerca portata avanti dall’artista, sta tutto nella personale e continua indagine a cui l’interprete sottopone la sua produzione. Per mezzo di stimoli, approcci ed attraverso medium differenti, con l’intenzione precisa di sviluppare canali comunicativi eterogenei, l’interprete si confronta con temi riguardanti la geologia, l’ingegneria, arrivando infine all’architettura. L’idea è quella di approfondire il rapporto tra la natura e lo spazio urbano, tracciando una peculiare analisi capace di cogliere al meglio tutte le differenti sfaccettature. Il rapporto e le dinamiche che interessano l’uomo moderno e l’ambiente naturale, raggiungono lo spettatore con la volontà di aprire un dialogo, di incanalare una discussione intelligente e fondata spesso su comprove di tipo scientifico. Chi osserva viene colto da spunti e tematiche differenti, viene spinto ad interessarsi ad un determinato problema, espresso e tratteggiato per mezzo di stimoli visivi, tangibili e tematici.
Per questo suo nuovo viaggio, Andreco sceglie di approfondire uno dei temi caldi della società brasiliana, ponendo l’accento sulla grave siccità che ha colpito il sud del paese. La singolare situazione, è imputabile alle variazioni del clima brasiliano che inevitabilmente hanno influito sulle precipitazioni. Oltra al problema delle falde inquinate, e delle dighe a secco, una delle cause di maggior rileivo, sembrerebbe essere la costante distruzione della foresta amazzonica, regolatore del clima di tutto il paese. Il risultato di questa fortissima crisi va a toccare inevitabilmente differenti aspetti, da quello prettamente sociale, passando alla difficoltà economiche per settori come quello agricolo ed energetico. Con un inequivocabile titolo “Agua = Ouro”, l’autore con questo nuovo progetto, pone l’accento sul delicato problema andando, da una parte a raffigurare il ciclo dell’acqua, in altri casi a mettere l’accento sul valore che la stessa ha acquisito in questi ultimi mesi ed infine, sulle difficoltà del bilancio idrologico del paese.

Gorgo: Andreco a series of new pieces in Brasil